17/07/2020

L'Unione firma il contratto: nuove basi per il futuro dei segretari

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classComunicati

In data 16 luglio 2020 è stata sottoscritta la preintesa in ordine al CCNL Area delle funzioni locali 2016/2018.

Questo l'intervento conclusivo all'esito delle trattative di Alfredo Ricciardi, Segretario Nazionale dell'Unione Nazionale Segretari comunali, prima della firma sul testo della preintesa:

"la soddisfazione dell'Unione nasce anche dal fatto che tutti i colleghi che sono a questo tavolo negoziale, sia come sindacati che come dirigenti, non hanno vissuto le stagioni difficili che negli ultimi anni hanno vissuto i segretari comunali e provinciali. Mai nessuno ha immaginato di abolire i dirigenti. Abolire i segretari è invece una cosa che è stata ipotizzata. E allora firmare oggi un contratto che vede i segretari parte essenziale della famiglia della dirigenza pubblica locale (ed è giusto  che sia questa la famiglia di riferimento), vedere che sono riconosciuti anche nelle loro funzioni, che sono ben disciplinate e fortemente valorizzate, e vedere, nei limiti in cui era oggettivamente possibile a risorse date, anche valorizzato il trattamento economico, significa passare da una stagione nella quale l’utilità stessa di questa figura era messa in discussione ad una stagione nella quale si fa, credo, un primo vero rilancio in avanti, immaginando e disegnando una prospettiva. E questo mi fa dire, dal momento che io sono in conclusione della mia esperienza come Segretario Nazionale del sindacato, perché questo autunno ci sarà il Congresso e ci sarà un nuovo Segretario Nazionale, che dieci anni di difficoltà si concludono con un contratto che dà basi solide per il futuro di questa categoria. E questo, che è motivo di soddisfazione, è anche motivo di ringraziamento per l’ARAN, per il Presidente in primis e per i suoi collaboratori più stretti che sono lì al tavolo ed è un motivo di ringraziamento anche nei confronti egli amici e dei colleghi delle altre sigle sindacali, che hanno condiviso un percorso di valorizzazione dei segretari all’interno di questo contratto. E quindi la mia soddisfazione è più grande ancora di quelli che erano i margini ristretti che avevamo a disposizione con questo contratto e che abbiamo, credo con senso di responsabilità ed intelligenza, sfruttato interamente nel modo migliore possibile, ciascuno nel proprio ruolo. L'Unione firma quindi con soddisfazione e con convinzione questo contratto. Grazie".

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
10/07/2020

Il comunicato dell'UNSCP sulla seduta negoziale del 8 luglio - CCNL Area delle Funzioni locali

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classComunicati

In data 8 luglio 2020 si è tenuta una nuova seduta negoziale in videoconferenza relativa al CCNL Area delle funzioni locali 2016/2018.

Nel comunicato dell'Unione Nazionale Segretari comunali e provinciali si legge:

"Si è svolta ieri una lunga seduta negoziale, nell'ottica di avvicinarsi ancora di più ad una positiva chiusura delle trattative. 

I passi avanti ci sono stati e sono rilevanti.

Da un lato è arrivata la riformulazione della norma sul galleggiamento, che elimina completamente il rischio che negli enti convenzionati si determini, direttamente o indirettamente, una qualsivoglia riduzione del trattamento economico. 

Dall'altro anche la norma sulla revoca ha trovato una nuova formulazione che non consente più applicazioni indiscriminate e che è di maggior tutela per i segretari. 

Anche sull'ultima partita rilevante, quella di affrontare mediante il CCNL una nuova disciplina delle maggiorazioni, si è fatto un passo avanti che, sebbene non sia immediatamente risolutivo, apre però un positivo percorso di riforma dell'istituto verso una sua migliore formulazione ed una sua evoluzione. 

Il passo avanti consiste nella istituzione, in sede di CCNL, di una Commissione Paritetica, alla quale parteciperanno tanto i sindacati quanto la rappresentanza datoriale, cui demandare il compito, appunto di definire una nuova disciplina delle maggiorazioni o comunque degli aumenti della retribuzione di posizione, sia nell'ottica di un nuovo contratto decentrato sia anche nell'ottica di un possibile, anzi auspicabile, futuro inserimento nel prossimo CCNL di una più innovativa disciplina complessiva della retribuzione di posizione, più aderente alla valorizzazione delle funzioni e del ruolo del segretario. 

Il tutto naturalmente nella piena salvaguardia della disciplina attuale, che continuerà a trovare applicazione fino alla definizione della nuova. 

Non ogni tema è stato esaurito e le trattative riprenderanno martedì 14 luglio. 

L'impegno a promuovere le migliori soluzioni è totale, ed altrettanto lo è quello di tenere la categoria aggiornata".

Qui il link al comunicato in pdf.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
18/06/2020

Il comunicato dell'UNSCP sulla seduta negoziale del 18 giugno - CCNL Area delle Funzioni locali

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classComunicati

Si è svolta oggi 18 giugno 2020 in videoconferenza una seduta negoziale relativa al CCNL Area delle funzioni locali 2016/2018.

Nel comunicato dell'Unione Nazionale Segretari comunalie Provinciali si legge che "in questa seduta l'Unione, così come pressoché tutte le altre sigle sindacali, ha dato atto all'Aran che l'ultima bozza di contratto affronta il tema del cd galleggiamento, e che quindi vi è un primo sforzo per risolvere i problemi connessi a questo istituto. Tuttavia la soluzione individuata può portare, nelle sedi convenzionate, ad effetti distorsivi e l'Unione, anche in questo caso assieme a tutte le sigle, ha chiesto una modifica che rimuova ogni rischio di tali effetti.

L'Aran ha mostrato una piena disponibilità nel senso da noi auspicato e vi è quindi fiducia che l'istituto possa essere regolato in modo soddisfacente.

Anche sugli altri temi rilevanti (e certamente fra questi la revoca) il confronto pare essere animato da uno spirito costruttivo, con reciproco senso di responsabilità fra le parti, nell'ottica di pervenire a breve ad una intesa complessiva che, risolti i nodi principali, consenta la firma del CCNL in tempi rapidi.

Con questo spirito è stato deciso di imprimere una accelerazione alle trattative effettuando, a breve, tre distinte riunioni in una unica sessione fiume per risolvere le criticità rilevate e dare uno sbocco positivo a una decennale attesa.

Il tavolo è stato aggiornato a martedì 30 giugno".

Qui il link al comunicato in pdf.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
10/06/2020

Il comunicato dell'UNSCP sulla seduta negoziale del 9 giugno - CCNL Area delle Funzioni locali

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classComunicati

Si è svolta ieri del 9 giugno 2020 in videoconferenza una seduta negoziale relativa al CCNL Area delle funzioni locali 2016/2018.

Nel comunicato dell'Unione Nazionale Segretari comunalie Provinciali si legge che "la riunione del 9 giugno segna una tappa importante nel processo negoziale di tutto il CCNL. A fronte di distanze che, ad inizio seduta, sulla base delle bozze contrattuali fin qui elaborate dall'Aran, apparivano ancora significative fra parte datoriale e organizzazioni sindacali, infatti, il confronto che ne è seguito e che è stato svolto con senso di responsabilità da tutte le parti, ha portato ad un sensibile riavvicinamento e ha aperto prospettive di soluzione positiva delle principali criticità.

In particolare, per quanto riguarda i segretari, se da un lato la bozza attuale non reca ancora l'indicazione degli aumenti, dall'altro proprio in sede negoziale l'Aran stessa ha chiarito come questo fosse dovuto alla volontà di rappresentare il trattamento economico in modo non parziale ma complessivo, dopo quindi aver affrontato e risolto il tema essenziale del c.d. galleggiamento.

Questo fatto, se da un lato evidenzia come la soluzione tecnica per assicurare tale obiettivo reperendo le coperture nelle risorse stanziate dal contratto ad oggi non sia stata ancora trovata, dall'altro evidenzia come la stessa parte datoriale ritenga tale soluzione quasi una precondizione per poi definire tutto il trattamento.

È stato in ogni caso chiarito che gli aumenti dello stipendio tabellare - che erano omessi nella bozza proprio per rappresentare che la disciplina del trattamento economico si intende darla "intera" a problema risolto - saranno ovviamente pienamente e completamente aderenti a quelli della dirigenza.

L'Unione ha fatto presente, inoltre, la necessità che il CCNL disciplini in modo compiuto la retribuzione di posizione e le relative maggiorazioni, senza cioè demandare alla contrattazione decentrata tale materia, per dare una disciplina economica completa all'esito del CCNL stesso. E anche su questo tema ci pare possa esserci una significativa convergenza.

Pure sulla disciplina delle funzioni di sovrintendenza e coordinamento e sulla revoca l'Unione ha evidenziato e proposto osservazioni che vanno nella direzione di valorizzare le funzioni in positivo e di non lasciare indeterminate le condizioni di revoca stessa.

In conclusione, al di là del dettaglio di ogni questione sollevata e di ogni risposta ricevuta, ciò che preme dire è che sui temi principali in materia di segretari si registra una convergenza importante di tutte le OO.SS., e che l'Aran ha espresso in modo chiaro l'intenzione di risolvere quanto prima i nodi, intenzione che l'Unione non può che apprezzare e che ci consente di ritenere che oggi si sia (ri)aperto un percorso negoziale che ha tutto per chiudersi in modo positivo in tempi ragionevoli.

Il tavolo è stato aggiornato a giovedì 18 giugno".

Qui il link al comunicato in pdf.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
20/04/2020

L'ultima battaglia: un racconto di Annalisa di Piazza in omaggio a Bergamo particolarmente colpita dal Covid-19

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classRacconto

L’ultima battaglia, in memoria di chi è morto, un racconto di Annalisa Di Piazza, segretario comunale e consigliere nazionale UNSCP per la Lombardia, scritto come omaggio a Bergamo, particolarmente colpita dal Covid-19.

Il racconto è tradotto in dialetto bergamasco da Caterina Dezio.

Ringraziamo Annalisa non soltanto per aver scritto il commovente racconto, ma anche per averlo voluto condividere con i colleghi segretari comunali.

Qui il link al racconto L’ultima battaglia.

gavel
lock_open
 
14/04/2020

Vicini all'amico Gianni Di Rollo colpito da un grave lutto

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classComunicati

E' venuta a mancare la mamma di Gianni Di Rollo, attuale Presidente e già Segretario Regionale dell'Unione Regionale del Lazio.

L'Unione tutta si stringe con affetto all'amico Gianni in questo triste momento.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
27/03/2020

Emergenza Covid -19 ed espletamento delle prove corsi SPES e SEFA: l'Unione scrive al Ministero dell'Interno

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classComunicati

Con una nota del 26 marzo la Segreteria Nazionale dell'Unione Nazionale Segretari comunali e provinciali, inviata al Ministero dell’Interno, all'attenzione del Sottosegretario On. Achille Variati, è intervenuta in merito all'espletamento delle prove conclusive relative ai corsi SPES e SEFA a causa delle problematiche connesse Emergenza Covid -19. La nota è stata inviata per conoscenza anche all'Albo Nazionale dei Segretari Comunali e Provinciali ed all'Anci.

Dall'Unione viene rinnovata la richiesta, già contenuta in altra nota del 6 marzo, che siano individuati "percorsi necessari a consentire la conclusione dei corsi medesimi e lo svolgimento delle prove in modalità compatibili con le misure di contrasto all’epidemia, misure già allora stringenti".

Questo il testo integrale della nota, a cui è allegata anche una richiesta proveniente dai Segretari partecipanti al SEFA, che la Segreteria Nazionale condivide in toto nel merito:

La situazione di emergenza nazionale dovuta alla pandemia da COVID-19, che ha oramai assunto proporzioni allarmanti, vede i Segretari Comunali impegnati in prima linea per garantire il necessario supporto ai Sindaci e alle Amministrazioni comunali che in queste settimane si trovano ad affrontare problemi di inedita criticità; impegno ulteriormente aggravato, in tantissimi casi, dalla necessità di far fronte alla gestione di ulteriori Comuni rispetto a quello/i di titolarità a causa della nota grave carenza di Segretari.
E’ in questo contesto così grave che un numero rilevante di Segretari è altresì impegnato nella conclusione dei corsi di specializzazione SPES e SEFA.
Il regime di grave incertezza in ordine alla possibilità di espletare nei tempi che altrimenti sarebbero stati fisiologici le successive prove finali previste per i rispettivi corsi ha portato ad un comprensibile stato di preoccupazione degli interessati, di cui l’Unione si è fatto carico, chiedendo con nota trasmessa al Prefetto Gioffré, Responsabile dell’Albo, che qui si allega, che si attivassero i percorsi necessari a consentire la conclusione dei corsi medesimi e lo svolgimento delle prove in modalità compatibili con le misure di contrasto all’epidemia, misure già allora stringenti.
Con estremo rammarico dobbiamo constatare che nessuna risposta è arrivata, nessun riscontro di alcuna natura è stato ricevuto. Al contrario un riscontro del tutto negativo è stato dato ad altra nota che autonomamente era stata inoltrata in via diretta dai partecipanti al corso SEFA. Da un lato dunque si dà risposta negativa agli interessati e dall’altro nemmeno si risponde all’associazione rappresentativa degli stessi.
Non solo, nei giorni successivi, con una tempistica quasi surreale se rapportata a come si stava evolvendo la situazione, l’Albo si è semmai peritato di rendere nota la scadenza per la presentazione della tesina per i medesimi corsisti SEFA, fissandola al 20 aprile.
La rapida successione nel tempo della risposta negativa data ai corsisti, della semplice “non risposta” data all’Unione dei Segretari - che forse il Prefetto ignora essere il sindacato storico dei Segretari medesimi, che quest’anno celebra 70 anni dalla propria fondazione e che è rappresentativo anche in sede negoziale dinnanzi all’Aran – e della fissazione della predetta scadenza per la presentazione delle tesine ha lasciato sinceramente esterrefatti.
Ora i corsisti SEFA ci chiedono di trasmettere l’allegata nota da essi sottoscritta, che l’Unione condivide in toto nel merito.
Alla luce di quanto sopra l’Unione dei Segretari ribadisce, dunque, la necessità che si adottino o si renda nota l’intenzione di adottare prossimamente, tanto per il SEFA quanto per lo SPES, le misure più adeguate per consentire di concludere i corsi, individuando nuovi termini per la consegna delle tesine e semplificando le prove, secondo quanto prospettato dai corsisti ovvero secondo le differenti modalità che il Ministero ritenga opportune e preferibili ma altrettanto riproporzionate al differente contesto in atto.
Il momento grave che affronta il Paese rende questioni come quella oggetto di questa nota certamente secondarie e tuttavia anch’esse vanno affrontate con rispetto degli interlocutori e con senso di responsabilità verso i Segretari, che sono oggi impegnati, come detto in premessa, nel loro ruolo in modo incessante, “in presenza” più di molti altri ed in modo pervasivo e costante, possiamo assicurarlo, anche quando in “lavoro agile”. Mentre è in atto una fase così acuta dell’emergenza ciò che preme è avere la percezione che l’Albo comprende il problema ed intende affrontarlo, percezione che ad oggi, spiace rilevarlo, manca del tutto.
E’ per questo che ci si è rivolti a Lei, Sig. Sottosegretario, nella certezza che Ella vorrà avere sul tema quella attenzione e sensibilità che, con la Sua personale azione, ha già in passato dimostrato e che tutta la categoria ha fortemente apprezzato".

Qui il link alla nota integrale con gli allegati.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
16/03/2020

Sedute di giunta e consiglio in videconferenza: un esame sulla bozza di disposizione normativa di prossima emanazione

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classArticolo

Pubblichiamo un interessante articolo di Antonio Le Donne, Segretario generale del Comune di Palermo e di Corrado Grimaldi, Segretario generale del Comune di Lucca dal titolo "Sulla corretta interpretazione della disposizione contenuta nella bozza di decreto legge in materia di sedute di giunta e consiglio senza compresenza fisica dei componenti e del Segretario".

L'articolo fornisce una prima interpretazione alla bozza di articolo 69 riguardante le sedute di Giunta e di Consiglio in videconferenza, che dovrebbe confluire nel Dl di prossima emanazione sull'emergenza Covid-19.

All'articolo è allegato anche una bozza di deliberazione di Giunta e annesso regolamento di funzionamento della Giunta comunale in modalità a distanza. 

Qui il link all'articolo integrale.

Qui il link alla bozza di deliberazione di Giunta e annesso regolamento di funzionamento della Giunta comunale in modalità a distanza.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
12/03/2020

Lettera aperta all'ANAC dell'Unione

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classComunicati

Breve ma incisiva (!) nota dell'Unione sul quantomeno intempestivo comunicato dell'ANAC sugli adempimenti in materia di trasparenza.

Qui il link alla nota dell'Unione.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
06/03/2020

Emergenza Covid -19. L’Unione chiede modalità certe per le prove dei corsi Spe.S e Se.F.A.

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari class

Con una nota inviata al Ministero dell’Interno - Albo Nazionale dei Segretari Comunali e Provinciali - e, per conoscenza, al Sottosegretario On. Achille Variati ed all’ANCI, la Segreteria Nazionale dell'Unione Nazionale Segretari comunali e Provinciali è intervenuta in ordine alle problematiche che sta causando l'emergenza Covid -19 sui corsi Spe.S e Se.F.A.

Questo il testo della nota:

"L’attuale situazione emergenziale legata alle misure di contenimento del Covid-19 impone a tutte le Pubbliche Amministrazioni l’adozione di misure idonee a garantire la continuità delle attività da erogare in forme compatibili con le prescrizioni imposte da ultimo con DPCM del 04.03.2020, pubblicato sulla GURI del 05.03.2020. 

Sta destando preoccupazione tra i frequentanti del corso SPES - i cui moduli si sono peraltro conclusi il 28 febbraio 2020 - il rischio che le misure di contenimento della morbilità del COVID-19 attualmente previste, possano comportare un rinvio sine die dello svolgimento degli esami finali, con particolare riguardo alle prove scritte che importerebbero la compresenza di 232 persone, ma anche in relazione a quelle orali. Comprendendo la contingenza della situazione, come pure la non prevedibilità della sua risoluzione, l’UNSCP chiede tuttavia che il Ministero dell’Interno si adoperi sin da subito indicando tempi certi per lo svolgimento delle prove scritte e orali, approntando al contempo, ove dovesse perdurare l’attuale condizione emergenziale, le misure più idonee quali l’uso di spazi più ampi per ospitare i candidati o, in alternativa, soluzione anch’essa dl tutto adeguata alle circostanze, la sostituzione della prova scritta con l’elaborazione di una tesina – come già previsto per l’attuale corso SEFA - ovvero qualunque modalità telematica alternativa che il Ministero dovesse ritenere ancora più confacente. Si sottolinea che il mutamento delle prove rispetto al bando iniziale sarebbe assolutamente giustificato dalla necessità di rispondere a circostanze imprevedibili e sopravvenute in modo conforme alle prescrizioni governative dettate per fronteggiare l’emergenza sanitaria, scongiurando al contempo il rischio di interrompere o procrastinare sine die il completamento di un percorso di qualificazione e avanzamento professionale, così già lungamente ritardato, e di cui non si giovano solo i diretti interessati ma l’intero sistema delle autonomie.

Con l’occasione l’UNSCP invita a monitorare che nella fase finale, tanto dello SPES come del SEFA, nella quale i Segretari interessati dovranno dedicarsi allo studio dei moduli svolti, le condizioni di assegnazione di supplenze e scavalchi a cui i Segretari, con spirito di sacrificio, stanno facendo fronte, siano compatibili con il diritto degli stessi alla adeguata preparazione per il superamento delle prove. Quanto sopra vale poi anche a maggior ragione con riferimento all’ultimo modulo didattico del SEFA già approntato per essere svolto in modalità telematica. A tal fine si evidenzia il pieno diritto dei partecipanti ad assentarsi dal lavoro per un numero massimo di giornate pari a quelle del modulo come originariamente previsto apparendo, peraltro, del tutto irrealistico che le lezioni possano essere proficuamente seguite rimanendo, al contempo, in servizio in comune. 

In esito a quanto sopra si chiede un cortese riscontro ed in ogni caso si invita ad adottare le misure di cui sopra, o qualunque ritenuta opportuna o necessaria, in modo da assicurare che sia per lo SPES che per il SEFA, le prove finali possano concludersi entro il mese di giugno".

Pubblichiamo qui la nota in pdf.

gavelU.N.S.C.P
lock_open

L'Unione chiede all'Aran misure idonee a consentire la ripresa delle trattative per il nuovo contratto

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari class

Era previsto per mercoledì 11 marzo un nuovo incontro per la prosecuzione delle trattative volte al rinnovo contrattuale della dirigenza dell'Area delle Funzioni Locali. L'incontro è stato rinviato a data da destinarsi in considerazione delle misure esistenti per il contenimento dell'emergenza Covid-19.

Con una nota inviata al Presidente ed al Direttore dell'Aran il Segretario Nazionale dell'Unione Nazionale Segretari comunali e Provinciali, Alfredo Ricciardi, ha auspicato l’adozione di ogni misura idonea a consentire la ripresa delle trattative.

Questo il testo della nota:

"Gentile Presidente, gentile Direttore,
si prende atto del rinvio della convocazione della riunione per la prosecuzione del negoziato per il rinnovo contrattuale della dirigenza dell’area delle funzioni locali in conseguenza delle indicazioni adottate in materia di contenimento e prevenzione del virus “Codiv 2019”.

Nel comprendere tale decisione si rappresenta, tuttavia, la preoccupazione che qualora l’emergenza non rientri già nei prossimi giorni (come è auspicabile ma allo stato non prevedibile) il rinvio possa restare troppo a lungo senza nuova data. Pertanto chiediamo fin d’ora di individuare l’adozione di ogni misura idonea a consentire la ripresa delle trattative anche al persistere della attuale situazione, mediante modalità coerenti con il necessario rispetto delle disposizioni relative al contrasto dell’emergenza epidemiologica".

Pubblichiamo qui la nota in pdf.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
10/02/2020

Il resoconto del Consiglio Nazionale dell'UNSCP tenutosi il 14 dicembre a Roma

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classresoconto

Convocato dal Presidente Roberto Nobile si è svolto il giorno Sabato 14 dicembre 2019 il Consiglio Nazionale dell'Unione Nazionale Segretari comunali e provinciali a Roma presso la Sala Mediterraneo dell'Hotel Mediterraneo (qui il link alla convocazione in pdf).

Pubblichiamo ora il resoconto del Consiglio.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
16/01/2020

Unione nazionale dei Segretari comunali e provinciali: “Fiduciosi, ora superare l’obsoleto limite del turn over”

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classArticolo

ROMA - “Attendiamo con fiducia di vedere un testo normativo che, nell’offrire misure per tamponare la fase emergenziale, dia però anche un chiaro segnale di rinnovato investimento sulla figura del Segretario aumentando le assunzioni finora previste e superando l’obsoleta previsione del limite del turn over dei Segretari all’80%”. Lo dichiara all’agenzia Dire il segretario nazionale dell’UNSCP (Unione nazionale dei Segretari comunali e provinciali), Alfredo Ricciardi, in seguito all’approvazione all’unanimità da parte della Camera dei deputati di una mozione congiunta per superare l’emergenza della carenza di Segretari nei Comuni italiani tramite misure già nel prossimo decreto Milleproroghe.

Fonte: Agenzia DIRE.

gavelAgenzia DIRE
lock_open

Mancano i segretari comunali: le iniziative per superare l'emergenza

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classresoconto

Approvata la mozione che impegna il governo a potenziare gli organici e a snellire le procedure selettive.

Agire sulla normativa in vigore per snellire le prodecure di selezione dei segretari comunali, e individuare figure che possano esercitarne temporaneamente le funzioni.

Sono alcune delle iniziative urgenti che la Camera dei Deputati, con la mozione votata oggi all'unanimità, impegna il governo ad assumere per superare la carenza di queste figure professionali.

Un problema di carattere nazionale visto che, informa la Camera, ci sono regioni nelle quali il segretario comunale manca in oltre la metà dei comuni.

Per far fronte all'emergenza, che riguarda in particolare i piccoli comuni e quelli terremotati, la mozione approvata oggi individua una serie di misure che il governo è imegnato a varare.

Tra queste, l'individuazione di reggenti per le sedi vacanti, da reperire tra figure qualificate interne all'amministrazione pubblica, tra coloro che abbiano svolto funzioni di vicesegretario comunale presso enti locali e possiedano i titoli di studio previsti dalla normativa vigente.

Si tratta di «un'ottima notizia» a fronte di «una vera emergenza che sta paralizzando centinaia di comuni italiani, impossibilitati a riunire la giunta, pubblicare un bando, assolvere agli adempimenti legali e amministrativi», commenta il sottosegretario all'Interno Achille Variati.

Sul punto «il Governo sta intensamente lavorando», aggiunge il sottosegretario, annunciando anche future valutazioni, insieme al Parlamento, circa la possibilità di prevedere forme di sostegno finanziario ai piccoli comuni per la spesa relativa ai segretari comunali.

Fonte: Ministero dell'interno.

Vedi anche Unione nazionale dei Segretari comunali e provinciali: “Fiduciosi, ora superare l’obsoleto limite del turn over”

gavelMinistero dell'interno
lock_open
 
16/12/2019

Resoconto del Consiglio Nazionale dell'UNSCP del 20 novembre

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classresoconto

Il Consiglio Nazione dell'Unione Nazionale dei segretari comunali e provinciali debitamente convocato con nota del Presidente del Consiglio Nazionale Roberto Nobile si è riunito in data 20 novembre 2019 ad Arezzo presso la Sala Botticelli del Centro Convegni di Arezzo Fiere e Congressi, Via Lazzaro Spallanzani 23, all'interno dell'Assemblea Nazionale ANCI (qui il link alla convocazione ed agli argomenti trattati).

Qui il resoconto del Consiglio Nazionale.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
27/11/2019

Convocato il Consiglio Nazionale dell'UNSCP il 14 dicembre a Roma

labelSegretari comunali e provinciali bookmark classConvocazione

Convocato dal Presidente Roberto Nobile il Consiglio Nazionale dell'Unione Nazionale Segretari comunali e provinciali a Roma presso la Sala Mediterraneo dell'Hotel Mediterraneo, via Cavour 15, il giorno Sabato 14 dicembre 2019, in prima convocazione alle ore 09.00 ed in seconda convocazione alle ore 09.30, con chiusura dei lavori non oltre le ore 14.30, col seguente Odg:

1. Approvazione Rendiconto della gestione 2018 (punto rinviato nella precedente seduta);

2. Deleghe 2020: determinazione del contributo dei segretari in quiescenza, dei segretari iscritti all'albo e dei segretari che frequentano il corso-concorso di formazione iniziale ai sensi degli artt. 2 c. 1 e 35 c.1 dello Statuto (punto in parte rinviato nella precedente seduta);

3. Rettifica art. 5 c. 7 del vigente Statuto (punto rinviato nella precedente seduta);

4. Sostituzione componente del Collegio dei probiviri (punto rinviato nella precedente seduta);

5. Emergenza segretari: valutazioni sulle soluzioni governative in itinere ed eventuali decisioni da assumere in merito;

6. Nuovo Contratto Collettivo Nazionale: aggiornamenti sulle trattative in corso;

7. Aggiornamento sulle iniziative per la valorizzazione del 70esimo dell'Unione;

8. Varie ed eventuali.

Qui il link alla convocazione in pdf.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
24/11/2019

Le Priorità dell’Unscp: “500 nuovi segretari e ruolo rafforzato dal contratto”

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classArticolo

AREZZO – L’immissione in ruolo di 500 nuovi Segretari comunali per sopperire alla carenza negli enti locali, snellendo le procedure e sveltendo quelle esistenti, e la firma di un nuovo contratto collettivo che valorizzi la funzione di sovrintendenza e coordinamento della figura, restituendo una retribuzione pienamente adeguata al ruolo dirigenziale che viene svolto già attualmente. Sono le priorità della categoria evidenziate ieri dal Consiglio nazionale dell’UNSCP, l’Unione nazionale dei Segretari comunali e provinciali, riunito dal presidente Roberto Nobile in occasione della XXXVI Assemblea annuale dell’Anci in corso nel Centro convegni di Arezzo. Ad aprire i lavori del Consiglio è stata la relazione del Segretario Nazionale dell’UNSCP, Alfredo Ricciardi. 

IL RICAMBIO GENERAZIONALE 

“Il ricambio generazionale, insieme al nuovo contratto collettivo, è la vera priorità di tutta la categoria. Ci troviamo in una situazione paradossale in cui tutti parlano della necessità della nostra figura, ma la carenza di Segretari fa nascere proposte non sempre ragionevoli e accettabili, mentre non si concretizzano le proposte di intervento presentate da noi, che erano ragionevoli forme per l’accelerazione dell’immissione in ruolo di nuovi Segretari”, ha spiegato Ricciardi.

“Un anno fa noi stessi abbiamo proposto soluzioni normative d’urgenza per sveltire il corso-concorso- ha sottolineato il Segretario nazionale- Ora siamo convinti di poter avviare un dialogo costruttivo con il ministero dell’Interno, anche a seguito di un incontro estremamente positivo avuto con il sottosegretario Achille Variati. Ci conforta anche la sua profonda conoscenza degli enti locali, venendo da molti anni di esperienza come amministratore locale ed essendo anche stato presidente dell’Upi”.

Quello con Variati, ha detto Ricciardi, “è stato un incontro positivo e costruttivo, la sua figura ci dà maggior fiducia sulla capacità di leggere le esigenze del sistema degli enti locali con l’impostazione di chi la realtà dei territori la vive. Con Variati abbiamo aperto un dialogo su come velocizzare il reclutamento di nuovi Segretari utilizzando, ad esempio, oltre alla formula del corso-concorso esistente, anche quella di un concorso diretto, riservando la selezione a funzionari in servizio in possesso di laurea con almeno 5 anni di anzianità, alla stregua del reclutamento dei dirigenti pubblici. Inoltre abbiamo chiesto la velocizzazione del concorso in essere e l’ampliamento dei posti: per ora abbiamo il corso-concorso numero 6 per 224 posti e il numero 7, ancora in fase di gestazione, per altri 171. Noi chiediamo di aumentare questi numeri perché il numero di sedi vacanti rimarrebbe comunque molto elevato, servono almeno 500 altri Segretari”. Come evidenziato dal segretario nazionale dell’UNSCP, “il tema che poniamo è politico, e chiediamo una risposta politica. Le parole di Decaro e Conte, che tutta l’Unione ha apprezzato, confermano che le Istituzioni avvertono la necessità e l’importanza dei Segretari: ora ci aspettiamo che queste volontà vengano trasformate in fatti. Certo, se fossero accolte proposte estemporanee, come i Segretari onorari, ci troveremmo a dover esprimere una totale contrarietà, fino a mobilitare l’intera categoria. Ma tutto ci fa confidare che, al contrario, le Istituzioni abbiano intenzione di dare ben altre risposte, efficaci e di alto profilo”. 

IL NUOVO CONTRATTO 

Sul nuovo contratto collettivo, ha spiegato sempre Ricciardi, “c’è stata una prima riunione. Il tavolo del contratto riguarda circa 15mila dirigenti pubblici e vede coinvolta una pluralità di interessi da portare a sintesi”. Il punto di partenza, per l’Unione, “è che in questa sintesi sia valorizzata la funzione di sovrintendenza e coordinamento dei Segretari, al contempo riconoscendo una retribuzione adeguata e risolvendo positivamente i troppi contenziosi derivanti da precedenti interpretazioni unilaterali ed errate degli istituti retributivi”.

Ora la categoria attende la prossima riunione del tavolo: “Abbiamo fiducia nel dialogo, e la Segreteria nazionale sarà fortemente impegnata a portare avanti questa trattativa per condividere una declinazione delle funzioni coerente con l’esigenza di un ruolo apicale del segretario, che sia da un lato effettivo ed efficace, e dall’altro che non comprima ma piuttosto accompagni e valorizzi le competenze dei dirigenti. Non è in gioco un interesse fine a se stesso dei Segretari ma piuttosto il rafforzamento e l’autorevolezza dell’intero sistema della dirigenza pubblica locale: il reciproco riconoscimento dei ruoli fra Segretari e dirigenti garantisce, infatti, l’effettività del principio di separazione tra politica e amministrazione”, ha concluso Ricciardi.

Fonte: Agenzia DIRE.

gavelAgenzia DIRE
lock_open

Conte: “Subito concorso per 200 nomine Segretari comunali “. Unscp: “Bene, ora a parole seguano fatti”

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classArticolo

ROMA – “Riteniamo decisivo intervenire per assicurare la presenza di Segretari comunali in tutti i Comuni, anche in quelli piccoli. I Segretari comunali sono oggi in numero di gran lunga inferiore rispetto alle sedi comunali e, per garantire la funzionalità dei Comuni, accettano sedi e incarichi plurimi, di difficile gestione sotto il profilo professionale e gestionale, accollandosi l’onere di faticosi tour de force tra paesi anche distanti fra loro”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo dal palco della XXXVI Assemblea annuale dell’Anci in corso nel Centro convegni di Arezzo.

“So bene quanto sia rilevante, per la vostra attività quotidiana, la presenza di un Segretario comunale. Mi sono ben noti i numeri delle sedi attualmente vacanti- ha sottolineato Conte- Consapevoli dell’urgenza di intervenire in questo campo, d’intesa con il ministro dell’Interno, faremo quanto necessario perché il corso-concorso per la nomina di 200 nuovi Segretari comunali si svolga nei tempi più brevi possibili”.

“Purtroppo l’espletamento del concorso richiede tempi non comprimibili- ha concluso il premier- Per questo, avete chiesto al ministero dell’Interno l’individuazione di misure urgenti, per i Comuni collocati in zone montane e disagiate, che spesso, in assenza del Segretario, si trovano nell’impossibilità di gestire le ordinarie attività amministrative. Stiamo studiando una serie di misure per venire incontro a queste vostre legittime istanze”. 

SEGRETARI, UNSCP: “BENE CONTE E DECARO, ORA A PAROLE SEGUANO FATTI”

“L’UNSCP esprime forte apprezzamento per le parole del presidente dell’Anci, Decaro e del presidente del Consiglio, Conte in materia di necessità della figura del Segretario e di interventi urgenti da porre in essere, soprattutto nei piccoli Comuni, per dare hai sindaci, che ne hanno bisogno per portare avanti la loro attività, questa figura oggi carente dal punto di vista numerico”. Lo ha detto il segretario nazionale dell’Unscp, Alfredo Ricciardi, a margine del Consiglio nazionale dell’Unione nazionale dei Segretari comunali e provinciali nell’ambito della XXXVI Assemblea annuale dell’Anci in corso nel Centro convegni di Arezzo, commentando le parole del presidente dell’Anci, Andrea Decaro, e del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che oggi hanno definito “decisivo” il ruolo dei Segretari comunali annunciando di voler fare il possibile per supplire alla carenza numerica della figura nei Comuni italiani, bandendo il prima possibile il corso-concorso per la nomina di 200 nuovi Segretari. Per Ricciardi “è un momento in cui da tutte le istituzioni arrivano conferme sulla necessità del ruolo del Segretario, che spesso nei piccoli Comuni è l’unica figura in grado di accompagnare le attività amministrative nella loro efficacia e rispondenza ai criteri di legge. L’Unione si aspetta, auspica e confida che a queste parole seguano fatti che consentano di aumentare il numero di Segretari che dovranno entrare in ruolo rispetto a quello finora già assentito rispetto ai corsi-concorsi numero 6 e 7 e di velocizzarne l’immissione in ruolo nel rispetto del rigore professionale, adottando anche misure temporanee in attesa dell’arrivo delle nuove leve, ma con un disegno innovatore che rafforzi e consolidi la funzione del Segretario. Attendiamo che da queste parole confortanti arrivino poi i fatti che la categoria e gli stessi sindaci si aspettano”, ha concluso il segretario nazionale dell’UNSCP.

Fonte: Agenzia DIRE.

gavelAgenzia DIRE
lock_open
 
07/11/2019

Convocato il Consiglio Nazionale dell'UNSCP il giorno 20 novembre ad Arezzo

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classConvocazione

Convocato dal Presidente Roberto Nobile il Consiglio Nazionale dell'Unione Nazionale Segretari comunali e provinciali, ad Arezzo presso la Sala Botticelli del Centro Convegni di Arezzo Fiere e Congressi, Via Lazzaro Spallanzani 23, all'interno dell'Assemblea Nazionale ANCI, il giorno Mercoledì 20 novembre 2019, in prima convocazione alle ore 14.00 ed in seconda convocazione alle ore 14.30, con chiusura dei lavori non oltre le ore 18.30, col seguente Odg:

1. Approvazione Rendiconto della gestione 2018;

2. Deleghe 2019/2020: determinazione del contributo dei segretari in quiescenza ai sensi degli artt. 2 c. 1 e 35 c.1 dello Statuto;

3. Rettifica art. 5 c. 7 del vigente Statuto;

4. Sostituzione componente del Collegio dei probiviri;

5. Ricambio Generazionale e Nuovo Contratto Collettivo: il futuro dei segretari è oggi!;

6. Iniziative per il 70esimo dell'Unione e Obiettivo Mille- rilancio del tesseramento;

7. Varie ed eventuali.

Nel corso della seduta interverranno esponenti delle Autonomie Locali e delle Istituzioni.

Qui il link alla convocazione in pdf.

Allegato anche lo schema di rendiconto e il parere dei revisori.

gavelU.N.S.C.P
lock_open
 
31/10/2019

Le priorità dell'azione dell'Unione: il reclutamento di Segretari e il nuovo CCNL dell'Area delle Funzioni locali

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classArticolo

Il 29 ottobre si è aperto il tavolo del Contratto Collettivo Nazionale dell’Area della Dirigenza delle Funzioni Locali, all’interno della quale sono confluiti i Segretari Comunali e Provinciali. 

È un Contratto, questo, che può (anzi, deve) segnare una tappa fondamentale nel rilancio e nella valorizzazione del Segretario quale specifica figura di vertice, capace di coniugare in tutti gli enti managerialità e legalità.

Continua a leggere l'editoriale di Alfredo Ricciardi, segretario nazionale UNSCP

gavelNewsletter UNSCP
lock_open

In ricordo di Carmelo Carlino (di Alfredo Ricciardi)

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classArticolo

Carmelo Carlino non è solo stato un grande Dirigente Sindacale. Ha fatto parte della Classe Dirigente di uno dei periodi più alti della storia dell’Unione, la migliore Dirigenza che l’Unione abbia mai avuto, almeno dei tempi dei quali la maggior parte di noi ha vera memoria personale. 

Il contributo di Alfredo Ricciardi, Segretario Nazionale UNSCP

gavelNewsletter UNSCP
lock_open

In ricordo di Carmelo Carlino (di Tommaso Stufano)

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classArticolo

Il 14 ottobre si sono svolte a Calamandrana (AT) le onoranze funebri del collega Carmelo Carlino, ben conosciuto non solo dai Segretari dell’Unione Nazionale Segretari Comunali e Provinciali, all’interno della quale ha svolto delicati incarichi di dirigenza sindacale, ma da tutta la categoria.

Leggi il contributo di Tommaso Stufano, Presidente Onorario UNSCP

 

gavelNewsletter UNSCP
lock_open

La carenza di segretari comunali: focus sulla Lombardia

labelSegretari comunali e provinciali bookmarkSegretari classArticolo

L’Unione della Lombardia, oramai da anni, chiede l’assunzione di nuovi Segretari Comunali. Emblematico il caso della provincia di Bergamo: a fronte di 243 comuni, ad oggi sono in servizio solo 38 segretari, ben dieci in meno rispetto a qualche settimana fa.

Leggi l'articolo di Francesco Bergamelli, Segretario Regionale UNSCP Lombardia

gavelNewsletter UNSCP
lock_open