29/03/2020

Differenza tra telelavoro e smart working o “lavoro agile” disciplina dello smart working nelle P.A. durante il Covid-19

labelApprofondimenti bookmark classArticolo

"In questo difficile periodo di emergenza pandemica in cui tutti i datori di lavoro, pubblici e privati, si sono visti costretti a rivoluzionare nel giro di pochi giorni le modalità di lavoro dei propri dipendenti, si fa gran confusione tra telelavoro e lavoro agile o, per dirla all’inglese “smart working” ma si tratta di istituti sensibilmente diversi sia per origine che per disciplina".

Inizia così l'articolo di Sonia Lamberti dal titolo Differenza tra telelavoro e smart working o “lavoro agile” disciplina dello smart working nelle P.A. e ai tempi del Covid-19, che approfondisce il tema dello smart working evidenziando le differenze con l'istituto del telelavoro. 

Qui il link all'articolo integrale.

Per approfondire la tematica Sonia Lamberti segnala la seguente documentazione: 

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale. (20A01605) (GU Serie Generale n.64 del 11-03-2020)

Anci IFELEmergenza COVID-19. Prima nota di lettura ANCI-IFEL sulle norme di maggior interesse contenute nel decreto-legge "CuraItalia"

Ministero del LavoroCircolare esplicativa Dl n. 18 del 17 Marzo 2020;

Ministro della Pubblica Amministrazione, Direttiva n. 2 del 2020;

Governo, Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro;

INPS, Circolare n. 52 del 27 febbraio 2020 Disposizioni attuative dell’Accordo Nazionale sul progetto di telelavoro domiciliare

gavel
lock_open